fbpx
coaster@coastercowo.com (+39) 06 96527893
Perché non puoi pagare i consulenti a percentuale
Aprile 3, 2019
0

INVITALIA è uno di quegli istituti con tante e varie opportunità di incentivo attive oggi: startup, NEET, ricerca, nuove energie, fondi per le imprese in aree di crisi.

Nonostante questo, nella nostra esperienza questi incentivi non vengono talvolta presi in considerazione dai clienti per una ragione sorprendente: non intendono pagare i consulenti che predispongono la domanda.

Facciamo un passo indietro. Grazie alla collaborazione con i suoi coworker Coaster offre servizi di progettazione ed europrogettazione. In pratica, si occupa della redazione di domande di finanziamento e contributi per imprese e associazioni. Monitoriamo costantemente tutte le opportunità e siamo attivissimi sul Microcredito. INVITALIA è immancabile: ha call destinate ad avvio e rafforzamento di impresa, R&S e innovazione, sostegno alle Regioni in crisi industriale.

Da SMART&START, per imprese innovative a NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO, per giovani e donne, passando per Cultura Crea, destinato anche a no profit, settore culturale, in Regioni specifiche e poi ancora Selfiemployment, per i NEET o ai contributi per il Rilancio industriale delle aree di crisi.

Richiedere fondi di questo tipo, in concorrenza con l'intero territorio italiano, significa fare un lavoro altamente professionale di costruzione del progetto e preparazione della domanda.

Servono specialisti in materia di progettazione, che se non sono presenti all'interno del proprio team vanno trovati all'esterno. Ecco quindi che interviene COASTER, fornendo consulenti che operano in tutte le fasi, dalla domanda fino alla rendicontazione.
Ci sembra chiaro che un team che sia al lavoro sulla scrittura di un progetto, degli annessi, del business plan, della presentazione più accattivante, di una domanda redatta in modo da toccare le corde giuste, vada remunerato per il tempo speso in relazione alla competenza espressa.
Purtroppo, però, è proprio questo investimento in consulenza - dal ritorno incerto - a scoraggiare le aziende nel partecipare ad avvisi come quelli di INVITALIA.
La richiesta, talvolta posta in modo scontato, al punto da rimanere offesi dalla risposta, è di lavorare a percentuale.
  • SE il progetto verrà ammesso al finanziamento ALLORA ti pagherò.
  • Cerco partner, non consulenti.
  • Se mi chiedi soldi vuol dire che non credi nella mia idea, che è fantastica, e io non voglio un consulente che non crede nella mia idea.
  • Ti darò una percentuale molto alta in caso di finanziamento.
Per capirci meglio, traduciamo queste affermazioni nel linguaggio di altri settori.
Al bar: se questo caffè mi sveglierà, allora te lo pagherò.
Alla concessionaria: cerco co-piloti, non rivenditori (strizza l'occhio).
Al negozio di abbigliamento: se mi chiedi soldi vuol dire che non mi trovi sexy con il tuo vestito, e io non voglio un commerciante che non mi stima (se ne va direttamente con la roba addosso, inseguito dai commessi)
Al supermercato: senti, scusa, mi prendo questi dieci pacchi di minestrone ma te ne porto ben tre piatti se mi riesce bene! (strizza di nuovo l'occhio al direttore).
Al di là dell'ironia, spieghiamo una volta per tutte: un professionista che si rispetti non può (e probabilmente non vuole) condividere il rischio di impresa dei propri clienti. Il rischio di impresa è cosa dell'imprenditore o futuro imprenditore.
È lui o lei che deve credere nella propria creatura e che deve dimostrare a tutti di farlo a tal punto da investirci.
Altro argomento: la percentuale dovuta in caso di successo (success fee). Tale percentuale è stabilita dai consulenti e, almeno nel nostro caso, va a coprire anche tutte le attività successive all'ottenimento dei fondi fino alla rendicontazione. Pertanto viene calcolata con un criterio ben preciso che non può essere discusso. Si può negoziare la cifra, come in tutte le trattative, ma il criterio no: quello lo stabiliamo noi.
Se sei un consulente e ti rivedi in questa descrizione, la tua casa è Coaster! Per chi come te cerca spazio e connessioni, il posto giusto è in via Caio Mario 14/B, a due passi dalla metro Ottaviano. 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi